News & Scienza : La sonda spaziale KEPLER scopre due nuovi sistemi planetari, uno dei quali con tre pianeti simili alla Terra.

Due nuovi sistemi planetari, uno dei quali con tre pianeti delle dimensioni della Terra, sono stati scoperti e confermati da scienziati spagnoli sulla base dei dati della missione K2 del satellite Kepler.

Il lavoro, che sarà pubblicato nelle Comunicazioni mensili della Royal Astronomical Society (MNRAS), rivela l’esistenza di due nuovi sistemi planetari rilevando le eclissi che producono nella luce che riceviamo dalle loro rispettive stelle. Il team responsabile del ritrovamento è stato guidato congiuntamente da Javier de Cos, dell’Università di Oviedo e Rafael Rebolo, dell’Istituto di astrofisica delle Isole Canarie.

Il primo sistema di pianeti extrasolari è nel gruppo stellare K2-239, caratterizzato da questi ricercatori come nana rossa di tipo M3V da osservazioni con il Gran Telescopio Canarias in Roque de los Muchachos (La Palma, Garafía). Si trova nella costellazione del Sestante a 50 parsec dal Sole (circa 160 anni luce). Ospita un sistema compatto di almeno tre pianeti rocciosi di dimensioni simili alla Terra (radio terrestri 1.1, 1.0 e 1.1) che orbitano attorno alla stella ogni 5,2, 7,8 e 10,1 giorni, come riporta la IAC .L’altra stella nana rossa chiamata K2-240 ha due pianeti di tipo super-terrestre grandi circa il doppio del nostro pianeta. Sebbene la temperatura atmosferica molto alta dovuta alle nane rosse che ruotano nel sistema, raggiunde i 3450 e 3800 K  rispettivamente quasi metà della nostra temperatura solare. I ricercatori stimano che tutti i pianeti scoperti hanno temperatura sulla superficie decine di gradi più alti di quella del pianeta Terra, dovuto a causa della forte radiazione che ricevono in orbite così vicine alle loro stelle. Future campagne di osservazione con il nuovo telescopio spaziale James Webb caratterizzeranno la composizione delle atmosfere dei nuovi mondi scoperti.