Ufologia & Mistero : NASA ,La missione Apollo 20 per il recupero della Tecnologia Aliena dalla Luna.

Secondo i rapporti, la cosiddetta missione Apollo 20 non era solo una missione americana, ma era in realtà una joint-venture tra i sovietici e gli Stati Uniti. La missione si svolse secondo i rapporti del 1976. Che la missione fosse o meno avvenuta rimane un mistero profondo.

Per la maggior parte di noi, l’idea che si siano svolte missioni segrete sulla Luna è qualcosa di estremamente difficile da credere. Soprattutto, quando si aggiunge che in una di queste storie pazzesche, quele riguardante presunte missioni Top Secret sulla Luna, hanno recuperato la tecnologia extraterrestre dalle cosiddette strutture aliene sulla luna. Mentre molti credono che l’idea della misteriosa missione Apollo 20 sia solo un’altra teoria della cospirazione, ci sono molte persone in tutto il mondo che credono che una cosa del genere sia interamente possibile e che ci siano prove per sostenere tali missioni.

Nel mondo di oggi, gli ufologi che stanno cercando di arrivare al fondo del fenomeno UFO stanno attraversando un periodo molto difficile a causa delle numerose teorie e imbrogli perpetrati dagli anti-cospirazionisti, quella frangia di scettici al soldo del potere occulto, che postano sul web notizie false atte a screditare il lavoro dei seri ricercatori e veri cospirazionisti. La frangia di scettici dichiara che la cosiddetta missione Apollo 20 potrebbe benissimo essere una di quelle elaborate bufale, ma ci sono alcuni dettagli interessanti che indicano che vale la pena approfondire la ricerca su questa missione, anche perchè esistono prove per sostenere tale teoria.

Ufficialmente, la NASA ha concluso il suo programma Apollo con la missione Apollo 17 anche se avevano programmato ulteriori missioni sulla Luna con Apollo 18,19 e in ultimo appunto la 20.  Mentre queste missioni  non si sono “mai” svolte ufficialmente, molte persone credono che, in segreto, la NASA abbia comandato altre tre missioni sulla Luna, dove gli astronauti avrebbero esplorato strutture antiche sulla superficie lunare e recuperato la tecnologia “aliena”.

Una delle citazioni più interessanti sulle strutture aliene sulla superficie della luna proviene dal Dr. Brandenburg.

Dr. Brtandenburg che ha un dottorato di ricerca in Plasma Physics, ed è consulente presso Morningstar Applied Physics LLC, e istruttore part-time di Astronomia, Fisica e Matematica al Madison College,  ha messo a disposizione quello che alcuni chiamano “prove sostanziali” della vita aliena presente nel nostro sistema solare.

“In una delle foto di ricognizione della missione Clmentine, fondamentale per verificare se qualcuno stava costruendo basi sulla Luna che noi non conosciamo. Mostravano immagni che queste strutture aliene di stavano espandendo”.

“Tra tutte le immagini che ho visto dalla luna che mostrano possibili strutture, la più impressionante è l’immagine di una struttura recto-lineare di un miglio di larghezza. Questo sembrava inconfondibilmente artificiale e non dovrebbe esserci. Come qualcuno nella comunità della difesa spaziale, guardò con grande preoccupazione qualsiasi struttura del genere sulla luna perché non è nostra, non c’è modo di costruire una cosa del genere. Significa che c’è qualcun altro lassù. … In pratica si sono limitati a se stessi e hanno fatto il loro lavoro, e ci è stato detto di non interferire con loro …”

“Sapevamo che esisteva la possibilità di una presenza sconosciuta, forse aliena / extraterrestre vicino alla Terra …”

È interessante notare che nel 2007 diversi video interessanti sono stati pubblicati su YouTube da William Rutledge, un individuo che afferma di aver fatto parte della missione Apollo 20. Rutledge sostiene che ci sono innumerevoli strutture sul lato più lontano della luna e ha anche mostrato video di  una “donna Aliena” che è stata trovata in una gigantesca nave extraterrestre schiantata sul cratere Delporte.

Una piccola astronave triangolare sulla Luna

Il ricercatore italiano Luca Scantumbarlo contattò Rutledge e fu in grado di scoprire di più sull’incredibile ‘storia’ che Rutledge aveva rivelato al pubblico. Secondo i rapporti, la cosiddetta missione Apollo 20 non era solo una missione americana ma era, in realtà, una joint-venture tra i sovietici e gli Stati Uniti. La missione ebbe luogo secondo Rutledge nel 1976. L’Apollo 20 fu inviato sul lato più lontano della luna in un’area denominata Delporte-Izsak Region, nelle vicinanze del cratere Tsiolkovsky. Il loro obiettivo era indagare su un oggetto enorme che era stato individuato dai membri dell’equipaggio della missione Apollo 15. Una volta sulla Luna, i membri dell’equipaggio dell’Apollo 20 trovarono una gigantesca astronave aliena lunga 3.300 metri, e non lontano da questa, un’altra nave spaziale molto più piccola.

“Siamo entrati nella grande astronave, anche in quella triangolare che si trova nelle vicinanze. Le principali conclusioni dell’esplorazione furono: era una nave madre, molto antica, che attraversò l’universo almeno un miliardo di anni fa. C’erano molti segni di biologia all’interno, vecchi resti di vegetazione in una sezione motoria, speciali rocce triangolari che emettevano “lacrime” di un liquido giallo con proprietà speciali e, naturalmente, segni di creature extraterrestri. Abbiamo trovato resti di piccoli corpi (lunghi 4 pollici) che vivevano e morivano in una rete di tubi di vetro lungo tutta la nave, ma la scoperta principale era quella di due corpi umanoidi, di cui uno era intatto.”Che l’Apollo 20 sia mai esistita o meno rimane un mistero per la maggior parte di noi, tuttavia, è estremamente piacevole sapere che ci sono molte persone, ricercatori che si sono fatti avanti negli ultimi anni, fornendo ragioni per credere che tali missioni spaziali abbiano effettivamente avuto luogo e che ci sono numerose strutture aliene sulla superficie della luna. Concludiamo dicendo che la grande astronave aliena è visibile attraverso le fotografie di Google Map ed è adagiata ancora sul cratere Deporte, nella regione di Izsak.


Fonte: