Ufologia & Mistero : Progetto Montauk: nel 1983 fu aperto un buco nel Continuum Spazio-Temporale.

A differenza di molti altri presunti progetti della CIA, il cosiddetto Progetto Montauk è noto solo attraverso testimonianze di terzi, poiché i documenti non sono mai stati rivelati per verificarne l’esistenza. Prova per alcuni che si tratta di una farsa, questa circostanza è stata usata più volte come un modo per dimostrare che l’esperimento ha avuto successo e quindi non è mai stato declassificato (a differenza di altri esperimenti della CIA). In ogni caso, il Progetto Montauk (insieme al suo predecessore, il Philadelphia Experiment ) è ancora una delle più famose teorie cospirative negli Stati Uniti.

Il Progetto Montauk sarebbe stato il nome dato a diversi progetti segreti del governo degli Stati Uniti, e sarebbe stato sviluppato nel Campo degli Eroi ( Camp Hero )o nella stazione dell’Air Force di Montauk, a Long Island, New York, per testare vari tecniche di guerra psicologica, tra cui il viaggio nel tempo. Grazie alle poche prove esistenti che permettono di verificarne la veridicità, i critici sostengono che Montauk sia una teoria del complotto, una leggenda metropolitana o una storiella inventata.

Secondo l’astrofisico e appassionato di UFO, Jacques Vallée, l’esperimento Montauk sembra provenire nella versione di Preston Nichols (autore del progetto Montauk), che sosteneva di aver recuperato ricordi rimossi della loro partecipazione a questo progetto. Non esiste una versione definitiva della narrazione Montauk Project, ma alcuni personaggi lo descrivono come un prolungamento o il proseguimento del Philadelphia Experiment.
Secondo gli esperti, il Montauk Project aveva l’obiettivo di dare continuità nella gestione della “schermatura elettromagnetica” che era stata usata per rendere invisibile l’USS Eldridge, e indagare sulle possibili applicazioni in campo militare del campo magnetico come una forma di dispositivo di manipolazione psicologica della guerra. Il progetto era arrivato al congresso USA e ritenuto inizialmente troppo pericoloso, ma il Progetto è tornato direttamente al Dipartimento della Difesa e ancora una volta successivamente approvato dal Congresso. Gli scienziati avevano promesso una nuova e potente arma che poteva indurre sintomi di disturbi psicotici e schizofrenia con il semplice gesto di premere un pulsante. Il Dipartimento della Difesa alla fine ha finito per approvarlo. I soldi per lo sviluppo, presumibilmente, provenivano da una scorta di fondi neri USA di 10 miliardi di $ in oro recuperati dai nazisti che erano stati trovati su un treno da soldati dell’esercito americano in un tunnel in Francia, vicino al confine con la Svizzera. Il treno esplose e tutti i soldati testimoni furono uccisi. Una volta esauriti i fondi, poi sono stati ottenuti ulteriori finanziamenti da ITT Corporation e Krupp AG in Germania.Il lavoro iniziò al Brookhaven National Laboratory (BNL) di Long Island, New York sotto il nome di Project Phoenix , ma presto si resero conto che la “ricerca” richiedeva l’installazione di una grande antenna radar avanzata nel laboratorio nazionale di Brookhaven, che avrebbe messo poi a repentaglio la sicurezza del progetto. Fortunatamente, l’aeronautica degli Stati Uniti ha chiuso la base a Montauk, New York, non lontano dal BNL, dove c’era un’installazione completa di radar SAGE. Il sito di Montauk era grande e remoto, la posizione non era ancora diventata un’attrazione turistica. Ancora più importante, il radar SAGE ha funzionato a una frequenza di 400 MHz – 425 MHz, nell’intervallo 410 MHz – 420 MHz, il segnale, che è stato detto, ha influenzato la mente umana.

Gli esperimenti sviluppati erano tanto vari quanto il teletrasporto, il viaggio attraverso le dimensioni alternative e il viaggio nel tempo. Due uomini, Al Bielek e Duncan Cameron dicono di essersi saltati dal ponte della USS Eldridge durante il viaggio nell’iperspazio, e quando il viaggio finì dopo un periodo di serio disorientamento, si trovarono nel campo degli eroi nel 1983 a Montauk. A questo punto entrambi sono d’accordo nell’affermare che John von Neumann, un famoso fisico e matematico, aveva presumibilmente lavorato nel Philadelphia Experiment, ma la Marina degli Stati Uniti nega il fatto a titolo definitivo.

È stato creato un “portale nel tempo” o Wormhole che consentiva ai ricercatori di viaggiare ovunque nel tempo o nello spazio. Questo “Tunnel of Time o Wormhole” è stato sviluppato in modo stabile. I tunnel sotterranei abbandonati su Marte sono stati esplorati utilizzando questa tecnica dove apparentemente una sorta di “marziani” aveva abitato il sito per migliaia di anni. Abbiamo contattato extraterrestri attraverso il tunnel del tempo e scambiato la maggior parte del progetto Montauk con loro.
Ciò avrebbe consentito un accesso più ampio all’iperspazio. Stewart Swerdlow ha sviluppato il “linguaggio dell’iperspazio”, utilizzando archetipi e glifi, oltre a colore e tono, in altre parole, un “linguaggio non linguistico”, il linguaggio del Creatore, che è Dio stesso. Tuttavia, molti ricercatori hanno messo in dubbio la veridicità di Swerdlow e ciò che ha fatto nel progetto Montauk. Enrico Chekov, un dissidente spagnolo-russo, riferì nel 1988, dopo aver disertato negli Stati Uniti, che la sorveglianza satellitare aveva catturato le immagni – durante gli anni ’70 – di una formazione di una grande bolla spazio-temporale centrata sul sito dell’esperimento. Dopo Chekov ha condiviso le fotografie con un giornalista del NY Times, dove il suo appartamento a Manhattan è stato svaligiato e le foto sono state tutte prese.