Scienza & Mistero : Le immagini satellitari della NASA provano che gli Uragani sono artificiali.


Di recente, dopo anche le ammissioni del fisico Michio Kaku, emerge dalla NASA come i recenti uragani estremi che hanno colpito e che tuttora stanno colpendo Cuba e gli Stati Uniti, sarebbero il risultato della manipolazione artificiale del tempo.Patrick Roddie, esperto di geoingegneria, ha scoperto nuove immagini satellitari della NASA, che mostrano strane anomalie sugli uragani Harvey e Irma e sui percorsi che seguiranno. Le sue scoperte corrispondono alle accuse fatte da altri scienziati che sostengono che HAARP è responsabile della recente comparsa di uragani in tutto il mondo.Ieri abbiamo pubblicato un articolo in cui il fisico di fama mondiale Dr. Michio Kaku ha affermato che gli uragani “artificiali” sono il risultato di un programma governativo di modifica del tempo attraverso HAARP e Chemtrails, in cui i cieli vengono irrorati con nano-particelle e le tempeste vengono “attivate” attraverso l’uso di “alte energie”.

Anongroup.org riferisce: In questo video, si possono vedere le caratteristiche delle piogge, gli schemi d’onda comunemente visti in un chem-trail * spruzzato e elettromagneticamente bombardato nel cielo, che si presentano intorno agli Yragani e i loro percorsi.

Le linee di aerosol spruzzati e le caratteristiche pungenti e morbide, sono facilmente riconoscibili come materiale di Geoengineering che sono stati avvistati intorno ai recenti uragani.

La guerra ambientale non è più solo un’ipotesi: è già in atto. Ma guai a dirlo: si passa per pazzi. Eppure, «negare l’informazione è già un atto di guerra fondamentale», denuncia il generale Fabio Mini, che conferma tutto: la “bomba climatica” è la nuova arma di distruzione di massa a cui si sta lavorando, in gran segreto, per acquisire vantaggi inimmaginabili su scala planetaria. Alluvioni, terremoti, tsunami, siccità, cataclismi. Uno scenario che, purtroppo, non è più fantascienza. E da parecchi anni. Era il lontano 1946 quando Thomas Leech, scienziato e professore israeliano-neozelandese, lavorò in Australia per conto dell’Università di Auckland con fondi americani e inglesi per provocare piccoli tsunami. Il successo del “Progetto Seal” spaventò Leech spingendolo a fermarsi dopo i primi test. Ma chi ci dice che la manipolazione del clima non sia stata portata avanti? Oggi, con la robotizzazione, per molte “operazioni” bastano poche persone. «Non ci sono vincoli, non ci sono regole, se c’è la possibilità di farlo ‘qualcuno’ lo farà». Non i governi, ma ristrette élite.

Il sottostante filmato prodotto da Walt Disney nel 1959 mostra come l’aeronautica militare statunitense fosse particolarmente interessata nel promuovere droni meteorologici da inviare tra le nuvole, ma anche come le Autorità volessero controllare le condizioni climatiche della Terra e modificare la potenza degli uragani attraverso l’intervento diretto sui campi elettromagnetici che si generano nel loro interno. Tutto questo sarebbe dovuto avvenire attraverso una fitta rete wireless come quella teorizzata dal famoso genio di Nikola Tesla. Nel filmato si può notare la straordinaria somiglianza degli eventi meteorologi registrati nel 1959 con quello che sta accadendo in questi giorni al largo delle coste della Florida.
Nel filmato di circa il 16 minuti si può osservare un gruppo di meteorologi militari dinanzi a una mappa climatica degli Stati Uniti sulla quale sono riportate le previsioni meteo del 14 Settembre di quell’anno.
Nella mappa viene evidenziato lo stesso percorso osservato dai recenti uragani che in questi giorni hanno colpito il Texas e la Florida. Allora dobbiamo chiederci se si tratta solo di una curiosa coincidenza ciò che viene mostrato nel filmato del 1959 o se ci troviamo di fronte a un evento del tutto simile all’uragano Irma che potrebbe essere il prodotto di una manipolazione climatica come quella prospettata nel lontano 1959.


Admin Maltana Gianluca

www.Misteroufo.it


Salva

Salva

Salva

Salva

Salva